La moda hipster degli occhiali
in legno diventa personalizzabile

La moda hipster degli occhiali in legno diventa personalizzabile

“La personalizzazione del prodotto attraverso il contributo del lavoro artigianale è parte importante nel processo di creazione del valore e non è un’esclusiva dei beni di lusso” – Stefano Micelli, Futuro Artigiano.

Nel mercato odierno emerge sempre più chiara e forte la richiesta di personalizzazione dei prodotti, un’esigenza cui le grandi aziende provano a rispondere, ma che resta un valore intrinseco della produzione artigiana.
Alla Maker Faire Rome, terra di droni e stampanti 3D, abbiamo conosciuto anche due ragazzi piemontesi che hanno fatto di questa visione il loro modello di business dando vita ad una startup,Ociaj, che produce occhiali in legno completamente personalizzabili.
Ecco cosa ci hanno raccontato!

Qual è il vostro progetto?
Realizziamo occhiali di legno con strumenti innovativi come il taglio laser e tradizionali come la curvatura a vapore.
L’idea è nata per gioco, volevamo crearci degli occhiali per l’estate, poi ci siamo resi conto che la realizzazione non era semplice ma ci siamo appassionati al progetto e con tanto impegno siamo arrivati al modello finale.

Quali pensate possano essere gli sviluppi futuri?
Speriamo che evolva fino a diventare una società e di riuscire a lavorare con ottiche per la vendita diretta; per noi è importante perché stiamo sviluppando il website in cui è possibile personalizzare l’occhiale in tutto e per tutto, la forma della lente, la dimensione dell’occhiale, i pattern incisi e anche il tipo di legno e di lente.

Qual’è il vostro tratto distintivo?
Cerchiamo sempre di unire il vecchio e il nuovo, infatti lavoriamo con falegnami del piemonte che hanno un sacco di potenzialità ma non conoscono internet. Noi possiamo coniugare le loro potenzialità e il digital in un’ottica globale, noi vogliamo unire le due cose cultura e tradizione locale con gli strumenti di internet e della connettività.

Che cosa ne pensi della Maker Faire Rome 2015?
Maker Faire è una figata! Abbiamo conosciuto un sacco di gente che è interessata al progetto e abbiamo stretto numerosi contatti preziosi dal punto di vista commerciale.

Condividi

Botteghe Digitali