2016, ovvero quando la
Digital Transformation diventa Mainstream

2016, ovvero quando la Digital Transformation diventa Mainstream

Siamo giunti nel periodo dell’anno in cui si volge lo sguardo al prossimo futuro per individuare le tendenze che avranno il maggiore impatto sulle aziende corporate e sull’industria del tech nel corso dei prossimi anni.
Il rituale annuale, naturalmente, è parte di un veicolo di marketing per le società di ricerca. Tuttavia, le previsioni possono essere stimolanti, soprattutto quando vengono dettagliate e affinate con l’inserimento di numeri.

Un trend, questo, confermato dall’outlook di IDC (acronimo di International Data Corporation), società di ricerca e informazione globale. Si tratta di un documento di 20 pagine, colmo di dettagli, e gli autori non hanno certo timore nell’avanzare congetture numeriche per il futuro. Entro il 2020 IDC afferma, ad esempio, che oltre il 30% dei fornitori tecnologici di oggi “non esisterà più nella maniera in cui li conosciamo oggi” perché saranno stati acquisiti o saranno falliti.

Al di là del dettaglio delle previsioni di IDC, e leggendo i rapporti pubblicati a ottobre da Gartner e Forrester Research, il tema generale è che l’andamento dell’innovazione digitale sta accelerando e si sta espandendo.

Le tecnologie digitali che stanno cambiando l’economia e le pratiche di business tradizionale – il cloud computing, l’uso di dispositivi mobile, l’analisi dei dati avanzata e l’intelligenza artificiale – sono migliori, più economiche e disponibili su scala più ampia.

“Le aziende mainstream di ogni settore si stanno rendendo conto che saranno in difficoltà se non si muovono subito” ha dichiarato Frank Gens, Chief Analyst di IDC e principale autore del rapporto.
Molte di queste aziende, secondo IDC, non si muovono abbastanza velocemente. Si prevede che un terzo delle prime 20 aziende di ogni settore verranno “interrotte” nel corso dei prossimi tre anni, il che significa che i loro ricavi, profitti e la loro posizione di mercato si deterioreranno – non che falliranno.

Le relazioni delle tre società di ricerca variano nella loro enfasi.

      • Il Forrester Outlook, è focalizzato sull’organizzazione tecnologica e strategica che ruota attorno all’“età del consumatore”;
      • Il Gartner Study riporta il probabile impatto dei progressi nel campo dell’intelligenza artificiale, con “agenti software autonomi” che dovrebbero svolgere un ruolo cruciale nell’economia e nella vita quotidiana. “Il futuro”, afferma il rapporto Gartner, “apparterrà alle aziende che saranno in grado di creare le soluzioni software maggiormente efficaci, autonome e intelligenti.”
      • “Code is king” è il tema di fondo anche nell’IDC Outlook. IDC sostiene che entro il 2018 le imprese che perseguono strategie di trasformazione digitale dovranno “raddoppiare le dimensioni dei loro team dedicati allo sviluppo dei software”.

In tal senso, il mercato del lavoro per gli ingegneri del software con competenze di sviluppo web e cloud dovrebbe mantenersi acceso.

Lo stesso vale per i data scientists, ovvero gli analisti dei dati. Nell’economia digitale, come esplicita il rapporto IDC, la formula è “innovazione = codice + dati. I dati sono il grano da macinare nel mulino innovazione”.

Il rapporto IDC prevede anche grande crescita per i dispositivi che operano nell’IoT (Internet of Things, l’Internet delle cose) e per il software necessario per rendere comprensibili tutti i dati dei sensori. L’IDC prevede che entro il 2018 il numero di dispositivi IOT sarà più che raddoppiato, il che spingerà lo sviluppo di 200.000 nuove applicazioni. Per IDC nel prossimo futuro le aziende prive di una strategia e competenze connesse all’Internet delle cose saranno come “individui che vivono senza la maggior parte dei loro cinque sensi”.

Il cloud computing sta rapidamente diventando il motore fondamentale della tecnologia nelle aziende. IDC prevede che entro il 2020 la spesa per i servizi cloud e relativi hardware e software sarà di oltre 500 miliardi di dollari, tre volte il livello attuale.

Secondo le considerazioni di IDC, inoltre, ci saranno diversi livelli di cloud business. Uno dei livelli sarà composto da diverse ” piattaforme nell’industria del cloud”, sviluppate da aziende tradizionali come General Electric, John Deere, Johnson Controls e United Healthcare che stanno “fornendo epicentri di innovazione, crescita e disruption nei settori di presenza”.

Traduzione dell’articolo “Digital Transformation Going Mainstream in 2016, IDC Predicts” di Steve Lohr, 4 novembre 2015.

Articolo originale: http://ow.ly/UHnNj

Condividi

Botteghe Digitali