Nuovi modelli strategici:
Lean Canvas

Lean Canvas: uno strumento per un nuovo modello di sviluppo

La digital transformation sta progressivamente modificando gli approcci imprenditoriali di numerose aziende, sia di grandi che di medie dimensioni. Alcuni degli strumenti messi a disposizione per gli imprenditori possono però rivelarsi di fondamentale importanza anche per le piccole imprese che desiderino orientarsi all’innovazione, sfruttando nuovi modelli di sviluppo ed adeguandosi alle esigenze di un mercato in continuo mutamento. Uno di questi strumenti digitali è il Lean Canvas, una sorta di “canovaccio” su cui costruire lo scheletro del proprio business model. Approfondiamone ora funzionamento e finalità.

Struttura e finalità del Lean Canvas

Essenzialmente, il Lean Canvas è uno schema digitale su cui andranno annotati vari parametri relativi al proprio business. L’ideatore di questo schema, Ash Maurya, desiderava sopperire ad un semplice bisogno aziendale: la necessità di ottimizzare la comunicazione con i clienti. E qual è il modo migliore di ideare una buona comunicazione con il cliente? Semplicemente, tramite un approccio rivolto al problem solving. In sintesi, una volta individuate le problematiche dei propri clienti, sarà molto più semplice individuare la propria unicità a livello aziendale, punto su cui far leva in ogni gara o campagna di marketing. Osservando nel dettaglio lo schema in oggetto, si nota immediatamente che ampio spazio è dedicato proprio all’individuazione dei problemi e, immediatamente di lato, alla loro risoluzione. Gli spazi dedicati all’analisi dei dati relativi alle attività aziendali chiave misurabili sono relativamente ristretti, mentre grande attenzione è dedicata all’individuazione del target, dei canali di distribuzione e dei prospetti di rendimento e costi iniziali.

Qual è il modo migliore di ideare una buona comunicazione con il cliente? Semplicemente, tramite un approccio rivolto al problem solving.

Dividendo a metà con un’immaginaria linea verticale questo schema, si possono individuare due macro aree cui appartengono le varie caselle: a sinistra le informazioni riguardanti il prodotto, comprensive del processo d’individuazione attraverso un approccio fortemente pragmatico ed orientato al problem solving. A destra, invece, le informazioni riguardanti il mercato e la commercializzazione del prodotto, comprensive di informazioni utili per il marketing e persino di informazioni riguardanti il rendimento atteso in un certo lasso di tempo. Questo modello schematico, se utilizzato sapientemente, può diventare una vera e propria miniera di idee e d’innovazione. Questo è solo uno dei tanti strumenti digitali che possono aiutare sensibilmente il processo di digital transformation aziendale, rendendo più semplice ed efficace l’apertura ai mercati 3.0.

Applicazioni pratiche del Lean Canvas

Una compilazione adeguata dello schema ideato da Ash Maurya permetterà di ottenere in breve tempo non solo nuove [strong]idee per lanci di prodotto[/strong] veramente utili alla propria clientela, ma anche di avere una panoramica completa delle proprie potenzialità come azienda. Analizziamo ad esempio la sezione dedicata alla Unique Value Proposition: posizionata a metà tra le due macrosezioni “Prodotto” e “Mercato”, è, in buona sostanza, l’anima del prodotto, un riassunto di tutte le sue potenzialità e del valore aggiunto che offre rispetto ai principali competitors. Il contenuto di questa sezione sarà una risorsa preziosa sia in fase di progettazione del nuovo prodotto che in fase di marketing: poche e semplici informazioni aiuteranno a rendere ben chiaro lo scopo del proprio progetto a chiunque, aumentandone nel contempo il valore percepito. Questo schema, proprio in virtù della sua semplicità, della sua capacità di sintesi e grazie alla struttura attentamente ragionata, è uno degli strumenti digitali più preziosi a disposizione delle piccole imprese: uno strumento altamente consigliato a tutti quegli imprenditori che desiderano abbracciare la Digital Transformation e puntare sull’innovazione, in maniera semplice e ragionata.

Botteghe Digitali per l’innovazione: un valido aiuto alle piccole imprese italiane

Grazie a Botteghe Digitali, 5 piccole imprese italiane appartenenti a differenti settori stanno proseguendo lungo il percorso della digitalizzazione, con il sostegno di 3 coach altamente specializzati. Una piccola rivoluzione in digitale per ciascun’azienda che aiuterà gli imprenditori coinvolti ad abbracciare con coscienza la digital transformation, ottenendo soddisfazioni ed acquisendo nuove ed utili competenze.

Condividi

Botteghe Digitali