Gestire i cambiamenti della digital transformation
all'interno della business strategy

La business strategy ha sempre rivestito una grande importanza per il raggiungimento degli obiettivi aziendali, anche nel passato. Oggi che l’avvento del digitale e le nuove tecnologie hanno completamente modificato il nostro modo di lavorare e di interagire con gli altri, assume una valenza ancora maggiore. Gli artigiani delle PMI hanno a disposizione una grande opportunità perché possono avvalersi della digital transformation per raggiungere nuove nicchie di consumatori. Questa possibilità, però, deve prevedere processi interni semplificati, veloci e flessibili.

Gestire i cambiamenti della digital transformation, infatti, significa non solo avviare un percorso di automatizzazione ma puntare alla semplificazione per far crescere l’azienda in modo veloce e questo può avvenire solo all’interno di una strategia globale.

I dati parlano chiaro: le PMI che si sono innovate sono cresciute più rapidamente e sono in grado di competere con imprese più grandi. Non solo: nel nostro Paese le imprese digitalizzate hanno un volume di vendita come export decisamente maggiore di quelle che non sono salite sul treno dell’innovazione.

La manifattura digitale come scelta imprescindibile

Lo studio realizzato sulle PMI digitalizzate (voluto da Sap e condotto da Idc) ha presentato un report basato su 3210 aziende, attive in 11 nazioni diverse: oltre il 52% delle imprese ha affermato che la digitalizzazione ha incrementato la produttività e semplificato le operazioni. Il 39% del campione è anche consapevole che si tratta di una scelta irrinunciabile se si vuole sopravvivere nei prossimi anni. Al di là delle differenze che esistono tra i diversi Paesi, le aziende hanno chiaramente capito che ci sono strumenti facilitatori per il successo come, ad esempio, i software collaborativi interni o il Customer Relationship Management (operativo, analitico, collaborativo) sul versante esterno, quest’ultimo è l’approccio che pone il cliente al centro della strategia. Oggi una business strategy deve prevedere competenze informatiche e manageriali e deve saper sfruttare le nuove tendenze che vedono nel mobile e nei social i mezzi per rispondere alle esigenze del consumatore multicanale. Senza, peraltro, dimenticare il cloud inteso come strumento che rende più veloce e snella la gestione delle informazioni e dei dati.

Come gestire il cambiamento

La Digital Transformation è, quindi, portatrice di crescita, ma come gestire il cambiamento integrandolo nella strategia manageriale? Il primo passo è quello di acquisire una competenza tecnologica che deve essere integrata con la conoscenza delle potenzialità date dalla digitalizzazione. Questa modernizzazione non chiede certo agli Artigiani e alle PMI di azzerare la loro esperienza passata, bensì di far convivere le competenze che hanno saputo valorizzare il made in Italy con l’innovazione che abbraccia la digitalizzazione a 360°.

La cultura aziendale è il punto da cui partire per gestire il cambiamento e arrivare ad una completa manifattura digitale.

La formazione inerente la digital transformation deve riguardare sia il management che le risorse interne (altrettanto fondamentali per il business), ma non basta: occorre anche una vision strategica che abbia chiare le scansioni temporali. Il cambiamento, infatti, deve avvenire in un periodo di tempo ben determinato e non in un lasso temporale imprecisato e generico che sposterebbe più in là la possibilità di crescita aziendale. Quello che si vede osservando l’esperienza di molte aziende è che business e tecnologia devono procedere di pari passo, sostenute da un adeguato approccio strategico e da una programmazione di medio-lungo termine. Il ruolo del team-manager risulta ancora una volta determinante sia per la capacità con cui deve saper trasmettere al gruppo di lavoro motivazioni e obiettivi, sia per l’abilità che deve possedere nella gestione delle risorse umane. L’importante è capire che l’immobilismo dell’impresa può portare all’esclusione dal mercato perché aziende, consumatori e fornitori sono sempre più interconnessi.

Botteghe Digitali è uno dei progetti che Banca Ifis dedica alle imprese artigiane. L’esperienza di Botteghe Digitali è un chiaro segnale di come la digitalizzazione sia la risorsa irrinunciabile per un business vincente. Sul portale sono esposte le storie di alcuni Artigiani, operanti in diversi settori, che hanno scelto un percorso innovativo. Coach specializzati, dedicati a Botteghe Digitali, hanno messo a punto una formazione specifica per la manifattura digitale che vede l’utilizzo di strumenti strategici competitivi e attuali.

Condividi

Botteghe Digitali