Botteghe Digitali e No-Made Boards: la storia degli artigiani – millennials e del loro “Surf Kit 4.0”

Comunicato stampa No-Made Boards
Comunicato stampa No-Made Boards

NELLA TERZA PUNTATA DELLA WEB SERIE DEDICATA AGLI ARTIGIANI DIGITALI TUTTI I SEGRETI E I MATERIALI PER FARE DA SOLI UNA TAVOLA DA SURF.

Nove pezzi per la struttura interna, due pannelli in legno, resina, spatola, pennelli, nastro adesivo, qualche ora di tempo a disposizione e una buona manualità, tanto serve per costruirsi la tavola da surf da soli, senza essere esperti artigiani.

No Made Boards e Botteghe Digitali – progetto di digital transformation per artigiani ideato da Banca IFIS Impresa, Stefano Micelli (Ca’ Foscari) e Giorgio Soffiato (Marketing Arena) – raccontano online sul canale youtube www.youtube.com/c/BottegheDigitali come realizzare una tavola da surf in autonomia grazie all’innovativo kit Diy Wooden Surfboard.

Effettuato l’ordine sul sito www.nomadeboards.com entro pochi giorni si potrà ricevere a casa la scatola contenente tutto l’occorrente per creare una tavola da surf in legno compresi componenti tecnici come i rail (i bordi), i plag per montare le pinne e la valvola di chiusura. “Abbiamo progettato un kit semplice e intuitivo- dice Eugenio Celli titolare della No Made Boards di Teramo e surfista- che non richiede particolari abilità tecniche ma che lascia allo sportivo la possibilità di personalizzare la tavola nella fase di modellazione del rail permettendogli di scegliere spessore e inclinazione del bordo lavorabile con attrezzi di uso comune come carta vetrata o pialletto”.

Durante l’ordine online del kit sarà possibile personalizzare anche l’estetica delle tavole in legno inviando colori e grafiche preferite che saranno poi impressi sul surf.

“Abbiamo voluto realizzare surf in legno riprendendo un’antica tradizione che abbiamo declinato in chiave contemporanea grazie a Botteghe Digitali – prosegue Eugenio Celli che ha scelto l’Italia, dopo aver girato le più belle spiagge al mondo, come sede dell’azienda che gestisce con il fratello Federico e Federica Ciarrocchi.

“Grazie al digitale potremmo accompagnare appassionati e professionisti del surf nel magico momento di creazione della tavola – conclude Eugenio- facendogli provare in poco tempo l’emozione di realizzare il mezzo che poi li accompagnerà sulle onde. Noi ci mettiamo la qualità delle materie prime e la solidità del progetto, frutto di anni di esperienza e pratica, ma il marchio finale lo metterà sempre il surfista nell’atto di terminare la propria tavola”.

I dettagli della storia di Federica, Eugenio e Federico sono a disposizione nella terza puntata della webserie Botteghe Digitali: un racconto in video del percorso di accelerazione digitale degli 11 artigiani selezionati trasformati digitalmente da Banca IFIS.

Condividi

Botteghe Digitali