DIARIO degli ARTIGIANI:
Raffaele, Occhialeria Artigiana

Impresa: Occhialeria Artigiana

Artigiano: Raffaele

“A fine gennaio mi arriva una telefonata che mi dice che siamo stati selezionati per un progetto di Banca IFIS “botteghe digitali” e mi spiega di cosa si tratta: un programma di tutoraggio che la banca fornisce gratuitamente a cinque imprese selezionate in tutta italia e che finisce con la MAKER FAIRE a Roma a ottobre. Sorpresa e gioia, per me laureato in scienze economiche e bancarie, che per tanti anni mi sono occupato di finanza e sviluppo locale e che per tanti anni ho pensato che le banche dovessero svolgere un ruolo diverso, sentire che Banca IFIS sta sviluppando questa attività, che una delle imprese è la nostra, e che possiamo partecipare a questo progetto con un ruolo attivo, usufruendo dei “servizi/consulenze” mi rende personalmente felice.

Dalle parole ai fatti, riceviamo la telefonata il lunedì, mercoledì arrivano in forze, Eva, Laura, Rossana e Dario, giù a fare domande per capire cosa facciamo e qual è il nostro obbiettivo, fotografie filmati con i nostri collaboratori un po’ curiosi un po’ intimiditi, nonostante fossero stati informati dettagliatamente del programma.

Passiamo una giornata intera a spiegare il nostro “Sogno” una fabbrica/laboratorio di occhiali al sud che produca eccellenza con due obbiettivi: diventare famosi; fare utili importanti.

Non passano 24 ore e scopro che Laura Bortoloni sarà il nostro tutor e che il programma è fitto e intenso: un lavoro che si aggiunge a quello che stiamo facendo. Nonostante i numerosi impegni la possibilità è troppo ghiotta. Inizia il programma con una call-conference al giorno:

  • analisi fiscale e attività di consulenza al business plan con Fausto Salvador. Fausto ha già letto il nostro documento e non si limita solo ai commenti, ma solleva dubbi e perplessità con una sicurezza ed un tono che mi infastidiscono. Ma le critiche, come sempre, sono fruttuose e rileggendo il piano stilato a fine 2015 sono costretto a rivedere alcune ipotesi e alcuni numeri, buon inizio!!!  So che ci sta preparando un report dettagliato su problemi e soluzioni. Mi chiedo lo avremmo fatto da soli? (cercare chi mette in discussione le nostre convinzioni), quanto ci sarebbe costato?
  • Organizzazione ed efficienza produttivi con Stefano Schiavo per verificare l’organizzazione aziendale e con lui siamo subito d’accordo che il nostro target deve essere fatto da un selezionato numero di ottici professionisti che capiscono la qualità del prodotto, innamorati del loro lavoro e quindi ipotizza una serie di attività nei loro confronti;
  •  Prodotto e digitalizzazione processi con Fabio D’Agnano per fare una analisi dei macchinari e degli interventi da effettuare. La chiacchierata telefonica si concentra sull’unica macchina automatica, un vecchio cnc che utilizziamo per fare alcune lavorazioni di precisione. Mi chiede fotografie e dettagli, dopo un paio di giorni la mail in cui mi dice che si tratta di “archeologia industriale”, ma con una meccanica come non se ne fa più e con un elettronica assolutamente da sostituire e che si può sostituire con un intervento molto economico e che per farlo vorrebbe coinvolgere qualche laureando, ovviamente il nostro entusiasmo va alle stelle. Non sapevamo si potesse fare, non sapevamo quanto costasse, non immaginavamo di poter passare dai disegni due d al tre d. Questo ovviamente ci costringe a ripensare organizzazione e formazione per i nostri collaboratori. La mail finisce con la promessa di una visita a breve;
  • Comunicazione web con Rossana Omietti per creare una presenza sul web con un buon equilibrio fra prodotto e azienda. Qui il problema si complica perché non avremmo mai immaginato di essere selezionati anche per la triennale del design a Milano ed ora cambia tutto il programma!”

Condividi

Botteghe Digitali