Gabbiani Venezia, una lunga storia alle spalle: opportunità o freno?

Si riparte con Botteghe Digitali, il percorso di accelerazione per artigiani italiani sponsorizzato da Banca Ifis.

Mi hanno attribuito due storie antitetiche.

La prima è quella dell’eccellenza del vetro d’arredo di Gabbiani Venezia.

In un altro momento, vi racconterò nei dettagli le esigenze di questa impresa storica e il progetto – ambizioso – che vorremmo realizzare con loro.

Oggi, vorrei solo condividere una riflessione a caldo.

Siamo davvero sicuri che avere una storia importante alle spalle sia una risorsa e non un ostacolo ( o uno zaino pieno di pesi con cui correre)?

Gran parte delle nostre realtà artigiane si fa forte della tradizione produttiva italiana. Quando si affronta il tema dello sviluppo, è normale per le nostre botteghe iniziare dal loro passato.

Siamo sicuri che questo approccio porti davvero valore?

L’affermazioneabbiamo sempre fatto cosìè abbastanza comune sia quando si parla di produzione, sia quando di parla di distribuzione/vendita.

Il problema è che le prassi diventano facilmente abitudini facendoci perdere di vista le ragioni che ci avevano fatto iniziare ad operare in un modo piuttosto che un altro.

Il contesto economico attuale è di fatto molto più mutevole di quanto avveniva in passato e pertanto obbliga tutte le realtà produttive – dalle micro alle grandi – ad operare con una metodologia completamente diversa.

Si procede spesso ‘a vista’(su scenari di 6 mesi), implementando costantemente miglioramenti e testandoli di momento in momento.

Ovvio che questo approccio preveda la necessità di potersi mettere in gioco sempre, per essere flessibili nel cogliere anche le più minime mutazioni – e opportunità – emergenti.

Da una certa prospettiva, sono avvantaggiate le realtà neo-nate che non hanno limiti o strutture derivanti dal passato.

Quindi, siamo davvero sicuri che uno dei nostri vanti – la storia – sia davvero un asset e non solo una zavorra?

Condividi

Botteghe Digitali