Intervista a Luca De Pietro

Per capire meglio l’evoluzione e i progressi della digitalizzazione dei nostri artigiani e delle PMI italiane inauguriamo un ciclo di interviste ai nostri coach; gli esperti che guidano ogni giorno i protagonisti del progetto nel loro percorso di innovazione.

Luca De Pietro, coach di Botteghe Digitali, è docente di Innovazione e Creatività all’Università di Padova. Si occupa da anni di processi di innovazione digitale nelle imprese, nella pubblica amministrazione e nei sistemi produttivi territoriali.

1. Secondo te quanta innovazione c’è in Italia?
Purtroppo le statistiche ufficiali sono inclementi: basta prendere l’indicatore sintetico sulla digitalizzazione dell’Economia e della Società Italiana DESI che ogni anno viene pubblicato dalla Commissione Europea e siamo posizionati al 25 posto su 28 Paesi. I problemi maggiori sono nella connettività, delle competenze digitali e nei servizi digitali delle imprese.
Se poi invece ci guardiamo attorno troviamo molti casi di singole aziende che hanno investito in innovazione nella produzione magari con macchinari di digital manufaturing, oppure nelle vendite con soluzioni di e-commerce, piuttosto che sulla ricerca di materiali sostenibili per nuovi prodotti etc
Il tema vero e’ come riuscire a trasformare singole ed importanti eccellenze rappresentate da singole aziende in un sistema che complessivamente innova e che sia quindi inclusivo di gran parte del tessuto produttivo italiano.

2. Quali sono i benefici che l’innovazione può portare all’interno di un’azienda?
L’innovazione in azienda può portare benefici di diverse tipologie. Da una parte è utilissima per ottimizzare i processi interni aziendali quindi in una logica di razionalizzazione e attenzione ai costi. Ma fermarsi solo a questi benefici e’ limitativo. L’innovazione può servire anche per rinnovare i prodotti e soprattutto per cambiare e ripensare i modelli di business delle aziende. In questi ultimi anni l’innovazione guidata dalla rivoluzione digitale ci ha presentato numerosi casi di aziende che hanno saputo cambiare radicalmente i tradizionali modelli di business dei loro settori – pensiamo solo ai più famosi AirB&B , oppure Alibaba – ottenendo dei veri e duraturi vantaggi di competitivi. Questa è la vera sfida per le aziende, utilizzare l’innovazione tecnologica come leva per attuare una nuova strategia di differenziazione (che contempli anche nuovi modelli di business) e non solo risparmi.

3. Qual è l’atteggiamento che le imprese assumono nei confronti dell’innovazione? Quali difficoltà hai riscontrato?
L’atteggiamento di fondo è ovviamente positivo e di apertura. Non conosco imprenditore che vedendo un’innovazione tecnologica non cerchi di capire le ricadute sulla propria azienda. Il limiti sono forse due: il primo riguarda le occasioni in cui gli imprenditori (in particolare quelli piccoli) vengono a contatto con l’innovazione tecnologica: purtroppo non sono cosi’ frequenti. Dall’altra parte c’e’ spesso la presunzione ( e forse la speranza) che l’innovazione passi fondamentalmente per l’acquisizione della tecnologia. Invece i veri processi di innovazione dispiegano il loro potenziale quando oltre alla tecnologia c’e’ anche un cambiamento organizzativo e strategico dell’azienda. Serve quindi un approccio culturale all’innovazione nelle aziende.

4. Cos’hai e stai imparando dai progetti che ti sono stati affidati a Botteghe Digitali?
Intanto lavorare con gli imprenditori e le imprese è sempre molto stimolante e le aziende che quest’anno partecipano al percorso di accelerazione di Botteghe Digitali sono veramente sfidanti. Ho avuto una bella conferma: il potenziale delle nostre imprese, anche quelle di micro-piccole dimensioni, in termini di capacità manifatturiere e personalizzazione dei prodotti è veramente unico. Le nuove tecnologie, in particolare digitali, rappresentano per queste aziende una vera opportunità per mettere queste loro potenzialità al servizio di un mercato più ampio e/o diverso. E questo è una prospettiva importante che va perseguita. Se queste 10 aziende ottengono dei risultati, ce la possono fare tantissime aziende simili in Italia.

Condividi

Botteghe Digitali