Intervista a Giulio Iacchetti

Intervista Giulio Iacchetti
Intervista Giulio Iacchetti

L’intervista a Giulio Iacchetti, specialist di Botteghe Digitali, e progettista italiano. Dal 1992 si occupa di industrial design, distinguendosi per la ricerca e la definizione di nuove tipologie oggettuali, e per la particolare attenzione che dedica all’evoluzione del rapporto tra realtà artigiana e design.

1. Secondo te quanta innovazione c’è in Italia?
L’Italia ha una vocazione innata per l’innovazione. Nelle aziende italiane la parola “innovazione” si traduce in “insoddisfazione” …ovvero la tensione a non accontentarsi mai, ad andare oltre, sempre.

2. Quali sono i benefici che l’innovazione può portare all’interno di un’azienda?
L’innovazione non è un’opzione, ma è l’unico sostentamento per mantenere in vita e prosperità le nostre aziende.

3. Qual è l’atteggiamento che le imprese assumono nei confronti dell’innovazione? Quali difficoltà hai riscontrato?
Ci sono sempre delle resistenze al cambiamento, è normale, ma se questo atteggiamento diventa troppo invadente, allora è il momento di decidere di non lavorare più con chi non crede nella forza vitale del processo innovativo.

4. Cosa hai e stai imparando dai progetti che ti sono stati affidati a Botteghe Digitali?
Ogni volta è una piacevole sorpresa scoprire che in ogni angolo d’Italia ci sono persone che credono nel proprio lavoro, aziende che hanno radici così profonde da permettere loro di svettare oltre, di guardare più in là, di spostare ogni volta limiti che sino a ieri sembravano invalicabili.

Condividi

Botteghe Digitali